Gestione delle misure di un top in base al fronte stabilito.

Come evitare un errore che potrebbe costare migliaia di euro

Ciao a tutti, oggi vorrei affrontare un problema tecnico che mi è successo di dover risolvere nei giorni scorsi con un mio cliente.

A volte capita a tutti voi di ordinare il top della cucina dal vostro fornitore di zona, facendo riferimento a quelle che sono le normali dimensioni del top fornito dall’azienda di cucine.

Fin qui tutto bene se non ci sono delle variazioni di tipologia di lavorazione del fronte, rispetto a quelli standard forniti dalle aziende.

Vi porto un esempio semplice per comprendere cosa intendo.

keyquartzMettiamo il caso di avere a che fare con un piano per isola che ha come misura di un top normale la seguente

Se il fronte che vogliamo realizzare è di questo tipo andremo a vedere cosa accade

IMG-20160501-WA0016

Questo tipo di fronte, così come altre sagome, porta automaticamente a modificare la profondità del top finito.

Come calcolo la profondità di questo nuovo fronte??

Innanzi tutto verifico la profondità di top che l’azienda da di serie, e quindi faccio subito una semplice operazione.

Sottraggo alla profondità del top la somma della profondità della cassa più lo spessore dell’anta, in modo tale da ottenere la sporgenza naturale che l’azienda dà ai suoi top.

keyquartzQuesta sporgenza mi servirà per non modificare l’effetto estetico che ho del top sull’antina stessa.

Ora vediamo cosa può succedere con il nostro nuovo fronte

keyquartzInnanzi tutto si verifica a quanto ammonta la sporgenza in più del nuovo fronte sagomato, e poi semplicemente si somma questa sporgenza alla profondità del top normale.

Se la nostra isola iniziale quindi aveva misura 120 x 180, adesso che sappiamo che aumenta di 3 cm sarà:

keyquartzSo che potrebbe sembrare una banalità, ma quando ci si trova poi a dover fare i conti con degli errori, sono dolori economici non indifferenti, anche perché nel 99% dei casi il vostro tradizionale trasformatore di zona non si renderà assolutamente conto che c’è un errore nelle misure, dato che non ha mai progettato cucine in vita sua.

Uno dei punti di forza di KEYQUARTZ è proprio la possibilità di sfruttare i nostri 18 anni di esperienza nella progettazione di cucine.

Spero davvero che questo piccolo articolo sia stato di aiuto a qualcuno, o magari lo sia in futuro.

Ciao a tutti ed alla prossima.

Mimmo De Leonardis

Commenta utilizzando il social che preferisci